Blog

In questa sezione troverai le risposte a molti tuoi quesiti e dubbi. Ogni articolo cerca di dare una soluzione a problemi che i miei sposi mi hanno posto durante i nostri colloqui.
Se non trovi una risposta alla tua domanda non esitare a contattarmi.
Un errore annunciato…
Ciao sposa... Anche se è periodo di ferie sto pensando a te e a come renderti più facile la scelta...
Continua a leggere "Un errore annunciato…"
Provare per credere…
*** Se anche tu hai difficoltà a capire dove sbattere la testa nella scelta del fotografo, continua a leggere ***...
Continua a leggere "Provare per credere…"
“Siamo solo noi… e non è una citazione di Vasco”
Giuseppina e Giovanni due sposi giovanissimi, rispetto a me li definirei pischelli, con un’energia tutta loro di affrontare le cose...
Continua a leggere "“Siamo solo noi… e non è una citazione di Vasco”"

Wedding test

Il trucco è tutto lì; far ridere la persona che ami… Ad ogni costo

Carla e Antonio wedding test
Carla e Antonio wedding test

 

Antonio lo conosco da una vita, siamo anche parenti e quando mi ha presentato Carla per parlarmi del loro matrimonio sono rimasto colpito dall’allegria che scaturiva fra i due… Era un continuo farsi battute e sottintesi.
Una complicità senza freni. Una coppia allegra oltre ogni dire, sempre pronta allo scherzo e alla risata; ma, come ogni sposa che si rispetti anche Carla aveva i suoi dubbi…

Indovina un po’ di quali dubbi sto parlando? Noooo, non se è meglio la pancetta o il guanciale nella carbonara, non quel dubbio.
Sto parlando del solito vecchio dubbio di ogni sposa che desidera una sola cosa il giorno del suo matrimonio.

Essere una principessa e apparire tale anche nelle foto che, diciamocela tutta, sono le uniche cose che le permetteranno di ricordare quel fantastico giorno.
Ed ecco, quindi, il dubbio… Riuscirà il fotografo, che poi saei io :D, a rendere Carla una principessa nelle foto?

Tanto più che ci siamo conosciuti da poco. Certo le ho fatto vedere un paio di servizi, le ho spiegato per filo e per segno cosa andremo a fare e come tratterò successivamente le sue foto ma… ed è un MA grosso come una casa … Carla continua ad avere i suoi dubbi.

Immagino che questo sia anche il tuo di dubbio, riuscirà il tuo fotografo a farti bella e sciccosa come ti vedi? Ma sopratutto, come puoi accorgetene prima di commettere un errore irreparabile e di cui ti renderai conto solo dopo il tuo matrimonio?
Beh con Carla è stato semplice, le ho proposto il nostro servizio di WEDDING TEST in modo da provarci e da capire, toccando con mano, se siamo compatibili e se possiamo farla apparire come lei vorrebbe.

Per l’occasione siamo andati in una riserva naturale nei pressi del borgo di Pettorano sul Gizio. Un paesino non molto lontano da dove abitano Carla e Antonio. Un posto tranquillo, dove chiacchierare, scattare un po’ di foto e… RIDERE, a crepapelle…

Un paio d’ore dove abbiamo simulato la parte dei ritratti di coppia che poi faremo il giorno del matrimonio durante il servizio fotografico.

Magari a te, sposa, non verrà da ridere a crepapelle ma va benissimo così. Ogni coppia ha la SUA storia e la SUA complicità ed io sono qui proprio per raccontarla.
Questo è l’estratto delle foto scattate. Un piccolo riassunto dove si vede bene la complicità di questa coppia quasi arrivata al giorno del SI.

Semplicemente Guido

P.s. se anche tu ti trovi nella condizione di dover scegliere il fotografo per il tuo matrimonio perché non mi contatti? Possiamo parlarne e trovare una soluzione che faccia al caso tuo, e magari organizzare anche per te un WEDDING TEST gratuito…

Il cielo stellato su di noi… Valentina e Leonardo

il matrimonio di Valentina e Leonardo

 

“Quando sei qui con me
questa stanza non ha più pareti
ma alberi,
alberi infiniti
quando sei qui vicino a me
questo soffitto viola
no, non esiste più.”

Mentre Leonardo abbracciava la sua Valentina per il loro primo ballo era questa la canzone e l’immagine che mi veniva in mente mentre li vedevo ballare sotto questo “cielo” stellato.

Un abbraccio che racchiude tutta l’emozione di un’intera giornata.

La loro giornata speciale.

Piena di emozioni, sorrisi, lacrime e abbracci…

Una giornata all’insegna dell’amore che ognuno ha per l’altro… Un amore che si capisce anche nell’abbraccio di Leonardo che avvolge Valentina, come a darle protezione e sicurezza.

Come a voler dire: Io vedo il cielo sopra noi, che restiamo qui come se non ci fosse più niente al mondo che noi DUE.

Semplicemente

Guido

 

Di che colore è l’amore?, Angela e Alessandro

Come il cuore che batte.
Le labbra che baciano.
Il sangue che scorre veloce e impetuoso.

Però…se ci pensi, l’amore è anche verde.
Come un prato che cresce.
La vita che sboccia.
La fertilità dei campi a primavera.

E poi è giallo.
Come il sole nel cielo.
Come i narcisi ad aprile.
E come i pulcini che vanno dietro a mamma gallina, tutti felici di scoprire il mondo.

Ed è rosa, come il tramonto sul mare dopo una lunga giornata in spiaggia.
Come la pelle di un neonato o i delicatissimi fiori di ciliegio che sai che fra qualche settimana faranno nascere tanti buoni frutti.

E l’amore è anche blu. Chiarissimo come il ghiaccio d’inverno su cui andare a pattinare.
Azzurro come può essere solo il cielo che torna limpido dopo una tempesta.
E profondo, blu notte con bagliori più chiari, come due anime che si amano oltre quello che possiamo capire.


L’amore è tutto questo, tutti questi colori.

E allora sai che ti dico?
L’amore, quello vero, quello che durerà nel tempo, è bianco.
Bianco come l’abito che la sposa indosserà quel giorno speciale.
Bianco come il sorriso che si scambiano gli sposi appena i loro sguardi si incontrano.
Bianco come le loro promesse di eterno amore.
Sì, credo che l’amore sia bianco.

E’ questo il colore che l’amore di Alessandro e Angela mi hanno trasmesso, qualcosa di puro che sarà per sempre custodito nei loro cuori.
(e un po’ anche nei nostri che abbiamo visto la loro luce il giorno delle loro nozze…).

SI, l’amore è bianco e candido come la prima neve. Che nei vostri cuori ci sia sempre spazio per i colori ma soprattutto per il bianco.

 

Semplicemente,

Guido

 

Annalisa e Francesco

[L’ Amore non è guardarvi l’un l’altro, ma guardare insieme nella stessa direzione. ]

matrimonio di Francesco e Annalisa
L’ Amore non è guardarvi l’un l’altro, ma guardare insieme nella stessa direzione.

 

E’ questa la sensazione che ho avuto alla fine del matrimonio di Francesco e Annalisa.
Ma andiamo con ordine.

Ho conosciuto questi due sposi il giorno del matrimonio della sorella di Annalisa. E siamo andati subito d’accordo, come se ci conoscessimo da una vita.

Sai quando hai la sensazione di aver conosciuto una persona da sempre anche se l’hai incontrata per la prima volta dieci minuti prima?

Ecco, proprio quella sensazione.
Ed è stata una sensazione proseguita anche durante il matrimonio. Sembrava davvero di essere in famiglia.

E’ stato semplice, quindi, realizzare il loro servizio fotografico nonostante fossimo agli inizi di dicembre ed il tempo non era proprio clemente.
Questa difficoltà non ha però scoraggiato Francesco e Annalisa che hanno continuato a guardare avanti con un solo obiettivo, quello di coronare il loro sogno d’amore.
Era evidente, non solo nei discorsi che si facevano ma anche nelle foto, come i nostri due sposi non parlassero mai in singola persona ma sempre come una coppia.
Il loro era sempre un essere un’entità unica nonostante siano due persone differenti. Guardavano alle cose sempre insieme e mai separati.

E’ questa per me l’immagine vera del matrimonio, essere in due ma che guardano al futuro come un unica persona.
Affrontare tutte le difficoltà e i piaceri della vita pensando come un NOI e non come un IO o come un TU.

Credo fortemente che la loro anteprima rispecchi totalmente questo concetto.
A te, spettatore, farmi sapere se è così.

Semplicemente
Guido

 

Manuela e Fabrizio

matrimonio Fabrizio e Manuela

[ Un gesto semplice che racchiude molte cose]

Può un gesto semplice come una carezza raccontare molte cose?
Io credo di si e la storia di Manuela e Fabrizio lo dimostrano… ma partiamo con ordine.

E’ più o meno questo periodo ma del 2015 quando Fabrizio venne da solo a chiederci se eravamo liberi per raccontare la storia del suo giorno.
Ovviamente fui più che felice ed onorato di rispondere si.

E dovevo ancora incontrare Manuela.

Venne il giorno in cui anche Manuela ebbe la possibilità di passare in studio e finalmente conoscerci.
“ Il mio problema è che mi scambiano tutti per una ragazzina e non vorrei che anche il giorno del nostro matrimonio succedesse una cosa del genere”… questa la prima frase detta… eheheheh… vi lascio immaginare la mia faccia.
Si certo Manuela non ha il viso di una ragazza adulta… Sai quel viso angelico? Pulito? Ecco, si quello lì. Però a dirle che sembrerà una ragazzina con il vestito da sposa ce ne vuole…

Ed invece la sua preoccupazione era quella. Perché così era da sempre e ovviamente dà fastidio quando non hai più 14 anni ma qualcuno in più e stai per convolare a giuste nozze.

Conoscendola meglio ho poi scoperto che è una ragazza dolcissima super innamorata del suo Fabrizio e pronta a sposarsi. Non sempre è questa la mia impressione delle coppie che incontro ma in questo caso non c’era dubbio: i ragazzi erano pronti ad amarsi per sempre.

IL giorno del suo matrimonio arrivò fin troppo presto. Non capisco comemai, era l’altro ieri che parlavamo di come organizzare il servizio fotografico e poi sbam! Di colpo ti trovi alla data segnata sul calendario ed è l’ora di cominciare la preparazione.

Manuela, come tutte le spose, era impaziente e anche un po’ nervosa – Sarebbe stata donna o ancora una volta l’avrebbero vista come una ragazzina?

Una volta indossato l’abito, però, tutte le paure erano scomparse, tutti i suoi dubbi fugati e lei era raggiante come non lo era mai stata prima…

Le rimaneva solo una cosa da fare…Raggiungere la chiesa dove il suo Fabrizio l’aspettava con ansia e dimostrare tutto l’amore e la dolcezza che provava…

Arriviamo in chiesa, lei è tutta tesa, sorride (ma secondo me non ci sta capendo nulla) al suo Fabrizio e dopo l’incontro iniziale praticamente non gli rivolge più di uno sguardo…

Poi mi racconterà che era talmente emozionata da non sapere cosa fare fino al momento della comunione… chissà perché poi.

Il prete è alle loro spalle a distribuire l’ostia alle persone in chiesa, lei si gira ed accarezza il suo Fabrizio con un gesto così spontaneo e così dolce che quasi me lo perdevo… Quasi ho detto :D…

Nell’immagine che VEDI, secondo me, è racchiuso tutto l’amore e la dolcezza di questi due ragazzi. Più dei mille baci che si daranno in seguito…

Un gesto così semplice ma così pieno di significato…

Questa è la loro anteprima, un piccolo assaggio delle tante immagini piene di emozioni del loro servizio.

Semplicemente
Guido

 

Caterina e Andrea

Matrimonio di Caterina e Andrea

 

“Quando gli occhi miei incontrano gli occhi tuoi, il mio cuore batte come i pistoni di un trattore in salita”…

Chissà se anche Andrea, guardando la sua Caterina, pensava a questa frase quando la vide per la prima volta vestita da sposa.

Eh già perché il loro matrimonio è stato uno di quelli coinvolgenti, pieni di emozioni.

 

A partire dall’abito di Caterina appartenuto alla mamma, che ora non c’è più, fino all’intimità che si creava ogni qualvolta i nostri due sposi si ritrovavano insieme.
Emozioni che trasparivano da ogni loro gesto, da ogni gesto che facevano i loro amici e parenti intervenuti al matrimonio.

Emozioni che a noi non è bastato solo raccogliere e immortalare in un click ma che ci hanno segnato dentro come sempre succede quando qualcosa ti colpisce e ti lascia dentro un ricordo.

 

Questa è la loro anteprima, un piccolo barlume di quella che sarà la storia del loro primo giorno più bello. E, lo speriamo con tutto il cuore, non sarà che l’inizio di una fantastica storia d’amore.

 

A Caterina e Andrea due che con gli sguardi raccontano il loro amore.

 

[Come nasce una fotografia e come questo dovrebbe importare a te che ti stai per sposare]

 

Matrimonio in Abruzzo di Claudio e Angela. Sulmona, Santa Maria della Tomba. La fotografia di matrimonio non è fare click con la macchinetta fotografica super tecnologica ma è il risultato della cultura del fotografo.

Oggi voglio finalmente toglierti dalla testa un mito che è del tutto falso e ti permetterà di non avere brutte sorprese quando sceglierai il tuo fotografo.

Dai avvicinati ancora un po’ mica voglio svelare questo segreto a mezzo mondo… Ecco si, così vicina e ascolta bene.

Ecco, adesso ti ho svelato il segreto dei segreti. La foto non nasce dentro la macchina fotografica.

Mi spiego meglio altrimenti sono sicuro che ti chiederai come questo sia possibile.

Perchè tuo cugino, che ha comprato la macchina iperfiga, dice che con questa farà delle bellissime fotografie al tuo matrimonio, ed adesso io ti vengo a dire che non sarà così…

Aspetta solo un attimo, fra pochissimo tutto ti sarà più chiaro.

Quando un fotografo scatta un’immagine, il risultato che ottiene non è dovuto solo perché alla macchinetta dell’ultima generazione o solo perché ha attrezzatura da migliaia di euro.

No cara, la fotografia sarà buona solo se il fotografo sa cosa sta facendo e non nasce solo nel momento in cui alza la macchina per fare click.
Nasce prima, molto ma molto prima.

Per un fotografo ogni suo scatto nasce dalla passione per l’arte, nasce dalle centinaia di mostre che ha visto, dai libri che ha letto e dalla musica che ha ascoltato.
Insomma, le fotografie, per un fotografo, non nascono per caso ma dalla sua cultura.

E lì che nascono le foto del tuo matrimonio, quelle foto che ti rappresentano come quella persona speciale che sei, in tutta la tua naturalezza.

Sono foto che non nascono per caso ma che strizzano l’occhio alle pose delle dive, agli antichi maestri della pittura e del cinema.

E lo fa per darti un’emozione che la macchina fotografica deve semplicemente congelare in quell’attimo ma che rappresenteranno le emozioni di tutto quel giorno.

E’ tra te e tutto il suo bagaglio culturale che la magia avrà luogo. Perchè tu sarai magica quel giorno, una autentica meraviglia a cui tutti guardano come si guarda alle dive.

E una volta scelto, il fotografo avrà l’onore e l’onere di usare la sua cultura e le sue arti per fare in modo che questa magia resti fissata per sempre nelle pagine del tuo album.

La fotografia non ha nulla a che fare con i megapixel, gli ISO e quale obiettivo usare.
La fotografia ha a che fare con la luce di Caravaggio, i ritratti di Raffaello, le inquadrature di Sorrentino e le luci fantastiche dello scintillio dei tuoi occhi quando guardi il tuo lui.

Ed è questa luce, questa magia che io dovrò saper riconoscere e catturare nell’attimo magico in cui sta avvenendo e dovrò essere capace di restituirti in tutta la sua bellezza quando oramai tutto sarà, quasi, dimenticato.

Perchè solo la foto immaginata e scattata da un fotografo professionista ti emoziona e ti emozionerà negli anni a venire.

Quindi scegli bene quando sarà il momento. Io ti aspetto,

semplicemente
Guido